Blog
Un sito web e un software per controllare gli aggiornamenti del nostro smartphone Sony
15:56 | 12 aprile 2014

Author: Staff | Category: Senza categoria | Tags: , , , , , , | Comments: None

Mentre Sony è al lavoro sui prossimi aggiornamenti a KitKat per i suoi top di gamma dello scorso anno e, speriamo, prossimamente anche per altri smartphone, alcuni utenti di XDA hanno creato un paio di strumenti molto utili in caso voi foste possessori uno degli smartphone della casa giapponese.

Il primo di essi si chiama Xperia Updatechecker, nome che non ha bisogno di spiegazioni: è disponibile solo per Windows (l’unico requisito è avere .Net-Framework 3.5 installato) quindi dovrebbe coprire la maggior parte dell’utenza e potete reperirlo tramite il relativo thread di XDA.

LEGGI ANCHE: Xperia SP forse non riceverà KitKat

Il secondo pur essendo forse più scomodo è consigliabile per la sua compatibilità: essendo una web app potremo consultarlo facilmente anche dal nostro smartphone Android oltre a Mac OS X e Linux, e tiene conto del customization ID ossia un numero che identifica l’esatto modello del telefono (oltre al nome anche il paese, il brand associato e altro), e potete raggiungerlo a questo indirizzo.

Foto: Getty Images

Utilizza l’app gratuita di Play storeAndroidWorld.it per rimanere aggiornato. Da oggi disponibile gratuitamente anche su Chrome App Chrome.


© Lorenzo Quiroli per AndroidWorld.it, 2014. |
Permalink |
Nessun commento |
Add to
del.icio.us


Post tags: , , , ,

L’articolo Un sito web e un software per controllare gli aggiornamenti del nostro smartphone Sony sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

AndroidWorld.it

Amazon Game Studios: la software house di Amazon, ecco i prossimi giochi per Fire TV (video)
10:56 | 3 aprile 2014

Author: Staff | Category: Senza categoria | Tags: , , , , , , , , , | Comments: None

Amazon Game Studios Header

Sev Zero non è l’unico gioco edito dalla novella software house Amazon Game Studios che arriverà sulla nuova Fire TV del colosso dell’e-commerce. Nelle prossime settimane arriveranno infatti molti altri titoli inediti, e nei mesi successivi vi saranno ancora più novità da scoprire, viste le recenti assunzioni nelle file dei Game Studios di Amazon. Se vi ricordate, qualche settimana fa vi parlammo dell’acquisizione da parte proprio di Amazon della SH Double Helix. Era solo il primo passo per la fondazione di un ramo dell’azienda che forse in futuro ci regalerà delle discrete sorprese, sempre che la Fire TV arrivi anche in Italia, ovviamente.

LEGGI ANCHE: Sev Zero, il primo gioco in esclusiva per Amazon Fire TV

In occasione della presentazione del nuovo dispositivo, è stato anche rilasciato un filmato che ci mostra in anteprima i prossimi giochi che verranno lanciati dalla neonata etichetta Amazon Game Studios. Non si sa se tali giochi, Sev Zero compreso, saranno poi resi compatibili anche con i Kindle Fire e in futuro, perché no, anche sul Play Store di Google. È comunque probabile che Amazon punti proprio a mantenere queste esclusive per attirare a sé una maggior fetta di utenza. A seguire il video con le anteprime dei prossimi giochi.

(Continua…)
Leggi il resto di Amazon Game Studios: la software house di Amazon, ecco i prossimi giochi per Fire TV (video)

Utilizza l’app gratuita di Play storeAndroidWorld.it per rimanere aggiornato. Da oggi disponibile gratuitamente anche su Chrome App Chrome.


© lorexae per AndroidWorld.it, 2014. |
Permalink |
Nessun commento |
Add to
del.icio.us


Post tags: , , , , ,

AndroidWorld.it

Amazon conferma l’acquisizione della software house Double Helix
14:58 | 6 febbraio 2014

Author: Staff | Category: Senza categoria | Tags: , , , , , , , | Comments: None

Amazon-Console

Dopo le voci riguardanti un possibile orientamento verso il mercato del gaming da parte di Amazon, e addirittura sull’arrivo in un futuro prossimo di una console recante il marchio del colosso dell’e-commerce, la nozitia dell’acquisizione della software house Double Helix (Killer Instinct per Xbox One, Front Mission Evolved, Silent Hill Homecoming e altri) proprio da parte di Amazon pare confermare in parte queste voci.

LEGGI ANCHE: Nuove voci sulla console Android di Amazon

Lanciare un’ipotetica console su un mercato così saturo di prodotti, tra i quali spiccano al momento Xbox One, PS4, Steam Machine e OUYA (anche se in misura minore), non basta per emergere: ci vogliono anche giochi di una certa qualità, e forse l’obiettivo di Amazon era proprio quello di accaparrarsi una software house piuttosto solida, nata dalla fusione di due precedenti studi di sviluppo con più di 70 dipendenti, per cercare di muoversi in questa direzione. Ovvio che tale mossa, resa pubblica solo nelle ultime ore a seguito di un rilascio accidentale di notizie, non vuol per forza significare l’arrivo di una console. È infatti possibile che Amazon voglia solo proporsi come etichetta, e quindi come publisher di futuri giochi per PC e Console.

Utilizza l’app gratuita di Play storeAndroidWorld.it per rimanere aggiornato. Da oggi disponibile gratuitamente anche su Chrome App Chrome.


© lorexae per AndroidWorld.it, 2014. |
Permalink |
4 commenti |
Add to
del.icio.us


Post tags: , , , , ,

AndroidWorld.it

Un software per i benchmark cross platform? Ecco Basemark OS II
19:58 | 20 gennaio 2014

Author: Staff | Category: Senza categoria | Tags: , , , , , | Comments: None

benchmark cross platform

Eseguire un benchmark è utile per capire in linea di massima le prestazioni di un dispositivo, anche se, come spesso ricordiamo, non rappresentano comunque la verità assoluta; se, però, avete intenzione di paragonare i risultati tra il vostro iPhone 5S, il vostro Nexus 5 e il vostro Lumia 1520, ciò potrebbe essere un problema dal momento che difficilmente troverete un software in grado di svolgere lo stesso benchmark sulle tre piattaforme.

LEGGI ANCHE: NVIDIA K1, ecco i benchmark

I parametri valutati sono CPU e grafica, memoria, navigazione internet e altri test meno usuali come batteria e fotocamera. Se volete dunque provare a comparare i vostri dispositivi con sistema operativo diverso, potete scaricare la versione Android tramite il badge riportato in fondo all’articolo, mentre trovate quella per le altre piattaforme al link seguente.

Get it on Google Play

Utilizza l’app gratuita di Play storeAndroidWorld.it per rimanere aggiornato. Da oggi disponibile gratuitamente anche su Chrome App Chrome.


© Lorenzo Quiroli per AndroidWorld.it, 2014. |
Permalink |
Nessun commento |
Add to
del.icio.us


Post tags: , , , , ,

AndroidWorld.it

La software house coreana GAMEVIL acquisisce Com2uS per 65 milioni di dollari
16:56 | 5 ottobre 2013

Author: Staff | Category: Senza categoria | Tags: , , , , , , , | Comments: None

mother of meme

Le software house GAMEVIL e Com2uS sono entrambe di provenienza sud coreana ed entrambe sono attivissime nel settore del mobile gaming. GAMEVIL, che conta più di 300 milioni di download su iOS e Android, è conosciuta per la serie di RPG/hack’n’slash Zenonia, già arrivata al quinto capitolo, e per moltissimi altri giochi e serie di ogni genere videoludico; d’altro canto anche Com2uS non è da meno, e conta dalla sua titoli del calibro di Slice It!, Inotia, Homerun Battle 3D e molti altri. Caratteristica comune a tutti i prodotti delle due software house è la modalità di vendita: si tratta di giochi free-to-play accompagnati però da un sistema di acquisti in-app che permettono di acquisire moneta virtuale da spendere direttamente in gioco.

A questo punto il concetto di acquisto in-app è oramai di dominio pubblico, e ne abbiamo ampiamente discusso anche in uno dei nostri ultimi editoriali. Sta di fatto che GAMEVIL nelle ultime ore si è accaparrata la maggioranza azionaria di Com2uS, con un investimento pari a 65 milioni di dollari. Le due compagnie si assomigliano non poco, sia per quanto riguarda la modalità di vendita dei prodotti, sia per quanto riguarda anche lo stile con cui sono realizzati i giochi, con chiare influenze dello stile anime. In realtà, da quanto si legge dal comunicato stampa rilasciato proprio da GAMEVIL, non viene specificato se effettivamente le due software house si fonderanno o meno: l’unica cosa che viene di fatto specificata è che le due società coopereranno per migliorare la loro competitività sul mercato.

LOS ANGELES, CA- October 4, 2013- GAMEVIL today announced that it has entered into agreements to acquire Com2uS, a leading global mobile games developer and publisher. GAMEVIL has agreed to purchase shares and control from the majority shareholders on October 3rd. This agreement is especially meaningful, as both companies are known as one of the earliest and leading mobile gaming companies in the world based out of Korea, which is known for its specialties in development and operation capabilities.

GAMEVIL and Com2uS will leverage each other’s expansive user base, ‘GAMEVIL Circle’ and ‘Com2uS Hub’, and will cooperate on portfolio strategy in order to increase competitiveness in the global market. GAMEVIL and Com2uS will continue its efforts to maintain its position as the top mobile gaming company in Korea and strive to become the top mobile gaming company in the world.

Le due software house si avvantaggeranno sicuramente l’una dell’altra da questo acquisto, ed è anche probabile che in futuro il sistema di acquisti in-app si fonda in un unico servizio: pare che il punto di partenza sarà l’unione dei social network sfruttati  dai titoli delle società, GAMEVIL Circle e Com2uS Hub. Se pensavate quindi che il mercato degli acquisti in-app fosse, almeno in Italia, da non prendere in considerazione, l’unione di due società del genere la dice lunga sul quantitativo di soldi che girano nel mercato asiatico tramite questo sistema di commercializzazione dei giochi. E tale affermazione viene anche confermata da una software house come Supercell, che aveva inizialmente respinto l’idea di portare Clash of Clans su Android, per poi doversi ricredere un anno dopo per via del fiorente mercato asiatico e per la diffusione sempre più alta di dispositivi Android.

Utilizza l’app gratuita di Play storeAndroidWorld.it per rimanere aggiornato. Da oggi disponibile gratuitamente anche su Chrome App Chrome.


© lorexae per AndroidWorld.it, 2013. |
Permalink |
Nessun commento |
Add to
del.icio.us


Post tags: , , , , , , , , ,

AndroidWorld.it

CyanogenMod annuncia un software per l’installazione con un solo click e svela alcuni piani per il futuro
18:57 | 18 settembre 2013

Author: Staff | Category: Senza categoria | Tags: , , , , , , , , , | Comments: None

CMInstaller_1

CyanogenMod è sicuramente un nome conosciuto nel panorama Android, soprattutto tra i più “smanettoni”, ma da oggi potrebbe iniziare a voler essere qualcosa di più: se fino ad ora questo firmware rappresentava per molti semplicemente un modo per avere l’ultima versione di Android sul proprio smartphone (dotata di alcune personalizzazioni aggiuntive), le cose potrebbero presto cambiare.

Le ambizioni del team di CyanogenMod sono molto più ampie e abbiamo già avuto i primi segnali di ciò con progetti come Focal; non tutti però sono disposti a moddare il proprio smartphone, considerando i rischi che ciò comporta per i più inesperti. Per questo motivo nelle prossime settimane arriverà su Google Play una app che consentirà l’installazione della famosa Rom con un solo click, rendendola accessibile anche a chi non ha esperienza di modding (probabilmente sarà accompagnata anche da un software per Windows).

L’obiettivo certamente ambizioso di CyanogenMod è il terzo posto nella classifica degli OS per smartphone, dietro Android e iOS (rivendicando in questo modo anche una propria identità separata dal robottino verde) e per far ciò ha raccolto ben 7 milioni di dollari diventando partner di Benchmark Capital e Redpoint Ventures. Inoltre pare che esista un accordo con un produttore di smartphone per vendere telefoni con preinstallato il celebre firmware, e che questo accordo verrà ufficialmente annunciato nelle prossime settimane. CyanogenMod non intende però cambiare il modello prescelto, ossia quello dell’open-source, e dato che il software rimarrà libero,  la loro strategia sarà di guadagnare in futuro denaro attraverso servizi, un po’ come Google stessa.

Un nome conosciuto da tutti gli appassionati utenti del robottino verde, ma riuscirà veramente a farsi amare anche da tutti gli altri? Questo è nuovo capitolo della storia di CyanogenMod, come lo definisce lo stesso Steve Kondik, e non possiamo fare altro che i nostri migliori auguri a questo progetto.

Utilizza l’app gratuita di Play storeAndroidWorld.it per rimanere aggiornato. Da oggi disponibile gratuitamente anche su Chrome App Chrome.


© Lorenzo Quiroli per AndroidWorld.it, 2013. |
Permalink |
1 commento |
Add to
del.icio.us


Post tags: , , , ,

AndroidWorld.it

THE Football App: il software definitivo per gli amanti del calcio
14:57 | 9 settembre 2013

Author: Staff | Category: Senza categoria | Tags: , , , , | Comments: None

thefootballapp

Calcio-dipendenti ecco l’app che fa per voi! A stabilirlo non siamo stati noi, ma gli sviluppatori di questo software che con un po’ di arroganza hanno messo un THE (maiuscolo per altro) davanti al nome della propria app. Insomma, THE Football App sembra voler diventare l’applicazione definitiva per gli amanti del calcio, grazie non solo alla sua completezza ma anche alla possibilità di scaricarla e installarla ovunque: da Android a Windows Phone passando per iOS e Blackberry.

Ci era sfuggita qualche settimana fa, quando avevamo stilato la lista dell 5 migliori app per seguire lo sport, ma adesso abbiamo finalmente recuperato la nostra lacuna e provato quest’ambizioso software che vi permette di seguire la vostra attività agonistica preferita praticamente minuto per minuto.

A vostra disposizione avrete i risultati delle partite, le notizie e i video sul mondo del calcio. Sì, “il mondo del calcio”, perché THE Football App non si fa mancare nessun campionato. L’elenco dei Paesi presenti nell’app è alquanto esteso e copre praticamente tutto l’universo calcistico, ma non vi preoccupate, non rischiate di fare confusione perché alla voce Campionato selezionato trovate di default la serie A con giornate, classifiche, news, filmati, statistiche e squadre e poi avete a vostra disposizione la voce Preferiti così potete inserire altre competizioni di vostro interesse, compresi all’occorrenza Europei e Mondiali.

Se poi più che ad un campionato siete interessati a qualche squadra basterà aggiungerle in Le mie squadre così nella schermata principale i loro risultati saranno evidenziati. Almeno siete sicuri di non perdervi niente.

Accuratissima anche la sezione dedicata ad ogni singolo incontro. Voi tappate sulla partita e a vostra disposizione avrete il tabellino con il riassunto, la diretta testuale, le statistiche aggiornate in tempo reale e la formazione, con la possibilità per altro di selezionare un giocatore e visualizzare il suo profilo e le informazioni sulle sue performance. Insomma, non manca praticamente niente.

Completano il quadro le notifiche push per ricevere gli alert ogni volta che una squadra di vostro interesse segna e una grafica davvero curatissima. Già ve l’abbiamo detto che tutto questo è gratis?

(Continua…)
Leggi il resto di THE Football App: il software definitivo per gli amanti del calcio

Utilizza l’app gratuita di Play storeAndroidWorld.it per rimanere aggiornato. Da oggi disponibile gratuitamente anche su Chrome App Chrome.


© arya87 per AndroidWorld.it, 2013. |
Permalink |
19 commenti |
Add to
del.icio.us


Post tags: , , , , ,

AndroidWorld.it

TestApp!: il software per prepararvi ai test d’ingresso universitari
14:58 | 19 agosto 2013

Author: Staff | Category: Senza categoria | Tags: , , , , , | Comments: None

TestApp!

Mentre la maggior parte della popolazione del Bel Paese è in trasferta sulle spiagge c’è chi ha deciso di sacrificarsi e chiudersi in casa per studiare. Non è il caldo e non è una follia, ma semplicemente un classico intramontabile per coloro che hanno finito la maturità a luglio e che hanno deciso di volere un futuro in ambito sanitario. I test d’ingresso per la facoltà di Medicina e per quelle dedicate alle professioni sanitarie sono ormai dietro l’angolo e a dirvi una mano ci pensa… beh, il Cepu.

Lo sappiamo, eravamo prevenuti anche noi. Cominciare la propria carriera universitaria affidandosi ad un centro che di solito è considerato l’ultima spiaggia per coloro che hanno qualche difficoltà non suona come una grande idea, ma non vi preoccupate perché in realtà Cepu ha soltanto sviluppato e reso disponibile sul Play Store TestApp!, un software che non fa altro che testare le vostre conoscenze in vista del test d’ammissione alle già citate Medicina e Chirurgia, alle professioni sanitarie, a Odontoiatria e a Veterinaria.

L’applicazione è molto semplice. Voi scegliete la facoltà di interesse e un tutor virtuale vi accompagnerà nel test ponendovi 20 domande in 20 minuti divise per 5 materie: Matematica e Fisica, Chimica, Biologia, Logica e Cultura Generale. Le risposte corrette vi verranno notificate immediatamente, avrete la facoltà di non rispondere ad alcune domande e potrete selezionare le varie materie per stabilire a cosa dare priorità. Alla fine vi verrà naturalmente assegnato un punteggio in trentesimi, usando le seguenti attribuzioni:

  • Risposta Corretta: 1,5
  • Risposta Errata: -0,4
  • Nessuna Risposta: 0

Indubbiamente TestApp! non sarà necessaria a verificare la vostra preparazione ma può comunque darvi una mano per capire in cosa siete più bravi e in cosa invece siete ancora deboli. Come sempre vi lasciamo il badge per il download e gli screenshot per dare un’occhiata al software.

(Continua…)
Leggi il resto di TestApp!: il software per prepararvi ai test d’ingresso universitari

Utilizza l’app gratuita di Play storeAndroidWorld.it per rimanere aggiornato. Da oggi disponibile gratuitamente anche su Chrome App Chrome.


© arya87 per AndroidWorld.it, 2013. |
Permalink |
Nessun commento |
Add to
del.icio.us


Post tags: , , , , , ,

AndroidWorld.it

Ulteriori considerazioni su Motorola Moto X: telefono, software, personalizzazione e la fata turchina!
02:57 | 2 agosto 2013

Author: Staff | Category: Senza categoria | Tags: , , , , , , , , | Comments: None

MotoX-9773_575px

In un mondo ideale, i prezzi sotto contratto del Moto X sarebbero invece stati i suoi prezzi di mercato: 199$ per il modello da 16 GB, 249$ per quello da 16 GB. Così non è, perché non viviamo in un mondo ideale (leggi: paese della cuccagna), e lo smartphone non solo ha un prezzo molto più salato, ma sarà disponibile solo in USA, lasciando noi italiani a non preoccuparci più di tanto del suo costo, ma anzi fornendoci con esso un’utile appiglio per fare come la volpe con l’uva.

Un’attenzione al dettaglio che nessuno ha messo in campo. Mai.

A rimescolare un po’ le carte in tavola ci ha pensato Dennis Woodside, parlando di un fantomatico nuovo modello più economico, ma per adesso lasciamo perdere le promesse, e atteniamoci ai fatti.

Moto X è bello. Bello perché lo crei tu. Si è fatto tanto parlare nei mesi scorsi di materiali e design, principalmente in relazione al “duello” tra HTC One e Galaxy S4, ma Moto X si fa beffe di entrambi, portando sulla scena addirittura il legno, e permettendo all’utente di scegliere anche il colore del bilanciere del volume, con un’attenzione al dettaglio che nessuno ha messo in campo. Mai.

In un mondo in cui gli smartphone si assomigliano tutti, in cui si dibatte di “angoli stondati” o altri elementi al limite del ridicolo, Motorola presenta un “configuratore di smartphone”, che dopo averti fatto scegliere tra 2.000 combinazioni possibili, promette di consegnartelo a casa al più in 4 giorni.

Tutto questo si paga. La produzione in USA dello smartphone, oltre che un vanto patriottico, serve anche a velocizzare indubbiamente il processo di consegna, ma di certo la manodopera americana ha un costo assai più elevato di una fabbrica sperduta nella periferia di Shangai, per non parlare appunto dei materiali messi in gioco e della qualità costruttiva finale. Senza conoscere con precisione quanto sarebbe stata curata la produzione di Moto X, ci eravamo illusi per mesi che Motorola avrebbe potuto mantenere cifre simil-Nexus. Così non è stato, e così in fondo non poteva essere.

Rimane comunque difficile collocare Moto X in una fascia precisa: guardando alle sole specifiche non possiamo definirlo un vero top di gamma, anche se presenta comunque soluzioni molto particolari come l’X8 Mobile Computing System, ma non è solo l’hardware a fare la differenza: vi invitiamo a (ri)leggere questo articolo pubblicato prima della sua uscita, perché quanto detto del software rimane, in particolare qui comandi vocali sempre in ascolto, pronti a rispondere al suono della nostra voce, grazie anche al nuovo processore per l’interpretazione del linguaggio naturale.

non sarà il telefono ideale, ma non è esattamente come tutti se l’erano immaginato

Motorola conferma inoltre tutta una serie di dettagli tecnici già trapelati, come il vetro fuso con la plastica per conferire robustezza e armonia alle curvature dello smartphone o l’uso di nano SIM, e la batteria non removibile (il retro dello smartphone è fuso con la scocca e non può essere staccato, quindi il fatto che ci siano tante cover diverse non significa che siano intercambiabili). E se qualcuno si dovesse lamentare per dimensioni e risoluzione, anche quelle sono frutto di studi, che garantiscono di aver trovato “la taglia ideale”.

Forse non sarà il telefono ideale che alcuni avrebbero sperato, ma sono anche abbastanza convinto che non sia esattamente come tutti se l’erano immaginato, ed a suo modo ha aperto la strada ad un livello di personalizzazione come non se ne sono mai visti nel settore smartphone. E se prestiamo fede alle parole di Woodside, questo è solo l’inizio del “brand” Moto X: esprimiamo quindi tutti un desiderio, ciascuno il suo, e chissà che la fatina non lo esaudisca con la prossima edizione dello smartphone; in alternativa potremo sempre dire che Moto X è troppo caro e che il legno prende fuoco bene.

Utilizza l’app gratuita di Play storeAndroidWorld.it per rimanere aggiornato. Da oggi disponibile gratuitamente anche su Chrome App Chrome.


© Nicola Ligas per AndroidWorld.it, 2013. |
Permalink |
3 commenti |
Add to
del.icio.us


Post tags: , , , ,

AndroidWorld.it

The Humble Weekly Sale: in offerta tutti i titoli della software house 11 Bit Studios per Android
11:56 | 14 giugno 2013

Author: Staff | Category: Senza categoria | Tags: , , , , , , , , , , | Comments: None

humble weekly sale

Questa settimana il “The Humble Weekly Sale” è dedicato anche ad Android e protagonista indiscusso di questo pacchetto di giochi multipiattaforma (Windows, Mac, Linux e Android) è la software house polacca 11 Bit Studios, che mette in offerta tutti i suoi titoli (ad eccezione dell’ultimo, Anomaly 2, che stiamo ancora aspettando su Android…) fin ora pubblicati anche sul Play Store di Google.

Come funziona questo Humble Bundle: con un’offerta qualsiasi, basata anche su una spesa di 1 centesimo, vi porterete a casa Anomaly Warzone Earth, Sleepwalker’s Journey e Funky Smugglers, mentre, superando la spesa media di 3 dollari (circa 2,30€) vi porterete a casa anche Anomaly Korea e un bonus piuttosto curioso; si tratta del “3D print source file” del modello di mech visto in Anomaly 2.

3D print source file

Vi rimangono poco più di sei giorni per approfittare dell’offerta: prima acquisterete e meno dovrete pagare per avere il pacchetto completo, ma ricordate, i soldi che andrete a spendere saranno in parte devoluti in beneficenze (secondo una percentuale che sarete proprio voi a decidere!). Non vi rimane quindi che dirigervi alla pagina dell’offerta e giudicarne l’acquisto!

The Humble Weekly Sale – Pagina ufficiale

Utilizza l’app gratuita di Play storeAndroidWorld.it per rimanere aggiornato. Da oggi disponibile gratuitamente anche su Chrome App Chrome.


© lorexae per AndroidWorld.it, 2013. |
Permalink |
Nessun commento |
Add to
del.icio.us


Post tags: , , , , , , , , , , ,

AndroidWorld.it

Pagina successiva »