Blog
Xiaomi sorpassa Apple e diventa il secondo maggiore produttore in Cina
20:56 | 29 luglio 2014

Author: Staff | Category: Senza categoria | Tags: , , , , , , , | Comments: None

china marketshare

Quando un’azienda cinese come Xiaomi supera una multinazionale delle dimensioni di Apple, è normale che se ne senta parlare: certo, ci riferiamo solamente al mercato cinese, che però per dimensioni è uno dei più importanti al mondo.

Il paradosso consiste nel fatto che Xiaomi è stata accusata più volte di aver copiato Apple ed ora è riuscita a sorpassarla, posizionandosi seconda con il 21% del marketshare e mettendo nel mirino Samsung, prima con il 23%.

LEGGI L’EDITORIALE: Xiaomi Mi4: l’inizio della fine o la fine dell’inizio?

Un risultato notevole nonostante l’azienda giochi ovviamente in casa, ma comunque notevole: riuscirà anche ad arrivare in prima posizione?

Utilizza l’app gratuita di Play storeAndroidWorld.it per rimanere aggiornato. Da oggi disponibile gratuitamente anche su Chrome App Chrome.


© Lorenzo Quiroli per AndroidWorld.it, 2014. |
Permalink |
1 commento |
Add to
del.icio.us


Post tags: , , ,

L’articolo Xiaomi sorpassa Apple e diventa il secondo maggiore produttore in Cina sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

AndroidWorld.it

Apple si lamenta con gli sviluppatori di The Banner Saga: “gli utenti non vogliono spendere per giocare”
10:56 | 26 luglio 2014

Author: Staff | Category: Senza categoria | Tags: , , , , , , , , , | Comments: None

The Banner Saga

Per quanto possa sembrare che una vicenda del genere non riguardi da vicino l’ecosistema Android, il tema affrontato da Apple e dagli sviluppatori di The Banner Saga, un gioco di ruolo a turni in fase di porting per mobile (già al centro di un episodio insensato con King.com), è in realtà piuttosto attuale e “cross-platform“, se ci passate il termine tecnico tipico proprio del settore videoludico.

LEGGI ANCHE: The Banner Saga arriverà sui tablet Android durante l’estate (video)

Da quanto riportato da uno degli sviluppatori di The Banner Saga, John Watson, pare proprio che Apple sia abbastanza frustrata a riguardo dei pochi soldi che gli utenti mobile sono disposti a spendere per giocare, anche nel caso si tratti di giochi di qualità. Ecco un estratto (tradotto) della recente intervista di Watson realizzata dai colleghi di Polygon:

Apple, così come tutti nel settore, è frustrata a riguardo della mentalità che sta prendendo sempre più piede nel mercato delle app mobile, dove gli utenti non sono assolutamente disposti a spendere.

L’utente medio pensa che 4 dollari sia una cifra esorbitante da spendere per un gioco, il che è piuttosto illogico considerato lo stile di vita delle persone.

Spendono 600 dollari per un iPad, 4 dollari per un caffè, 20 dollari per un pranzo e non sono disposti a spendere 4 o 5 dollari per un gioco, quasi fosse una spesa che ti cambia la vita. Mi sento frustrato anch’io quando penso a questa mentalità.

John Watson, sviluppatore di The Banner Saga

Non che su Android la situazione sia diversa, anzi: l’App Store di Apple continua a fruttare più soldi agli sviluppatori rispetto al Play Store di Google, che vanta però un maggior numero di download di applicazioni, statistiche sicuramente influenzate dal gran numero di app e giochi gratuiti.

Play Store Walking DeadDi fatto anche sul robottino verde la tendenza descritta da Watson e da Apple è oltremodo radicata, e basta leggere le descrizioni di quei giochi come ad esempio The Walking Dead di Telltale Games, che permettono di giocare gratuitamente un episodio per poi richiedere il pagamento via in-app per sbloccare il resto del gioco, per capire proprio la mentalità dell’utente medio descritta durante l’intervista.

La conclusione della vicenda è ancora più peculiare: gli sviluppatori di The Banner Saga non hanno ancora deciso il prezzo del loro gioco, che dovrebbe arrivare su tablet già dalle prossime settimane. Su PC il titolo viene a costare 22,99€, ed è quasi inutile dire che con un prezzo del genere in mobile sarebbero pochi gli utenti disposti ad acquistarlo. L’idea della software house sarebbe quella di proporlo ad una cifra simile a quella di XCOM Enemy Unknown (8,83€), ma a quanto pare Apple sta facendo pressioni per convincere Watson e il suo team a lanciarlo ad un costo più elevato.

Ed in effetti, una volta tanto, la società di Cupertino potrebbe anche aver ragione: il miglior modo per cambiare una tendenza sbagliata è quella di proporre sempre più prodotti di qualità ad un prezzo bilanciato a ciò che hanno effettivamente da offrire. La scomparsa poi degli acquisti in-app dai titoli a pagamento aiuterebbe ulteriormente, ma a quanto pare molte software house  si stanno già muovendo in tale direzione (vedi Modern Combat 5Civilization Revolution 2Leo’s FortuneWayward Souls e molti altri).

Utilizza l’app gratuita di Play storeAndroidWorld.it per rimanere aggiornato. Da oggi disponibile gratuitamente anche su Chrome App Chrome.


© lorexae per AndroidWorld.it, 2014. |
Permalink |
Nessun commento |
Add to
del.icio.us


Post tags: , , , ,

L’articolo Apple si lamenta con gli sviluppatori di The Banner Saga: “gli utenti non vogliono spendere per giocare” sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

AndroidWorld.it

se non hai un Apple non ti siedi sulla panca!
03:01 | 11 luglio 2014

Author: Staff | Category: Persbaglio | Tags: , , , | Comments: None

PUBLISHED by catsmob.com

Archiviato in:foto strane Tagged: apple, mela, pc, solo
Persbaglio

comScore: Apple e Samsung in crescita negli USA
09:56 | 4 luglio 2014

Author: Staff | Category: Senza categoria | Tags: , , , , | Comments: None

Apple Samsung marketshare

I dati sul marketshare ricavati dalle analisi di mercato delle varie agenzie specializzate sono sempre da prendere con un certo margine di errore e giusto per dimostrarlo oggi vi mostriamo questa ricerca di comScore che va in netto contrasto con i dati raccolti da Kantar solo qualche giorno fa.

I numeri si riferiscono al solo territorio degli Stati Uniti e riportano Samsung e Apple in crescita rispetto alla concorrenza; inoltre, Android sarebbe stabile al 52,1% mentre iOS avrebbe accorciato le distanze arrivando al 41,9%.

LEGGI ANCHE: Android continua a crescere

HTC ed LG sarebbero invece in leggero calo con Motorola che rimane perfettamente stabile; insomma, dati che alla fine dei conti mostrano un vantaggio del robottino verde sulla concorrenza, anche se in misura diversa.

Utilizza l’app gratuita di Play storeAndroidWorld.it per rimanere aggiornato. Da oggi disponibile gratuitamente anche su Chrome App Chrome.


© Lorenzo Quiroli per AndroidWorld.it, 2014. |
Permalink |
Nessun commento |
Add to
del.icio.us


Post tags: , , , , , , ,

L’articolo comScore: Apple e Samsung in crescita negli USA sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

AndroidWorld.it

Con l’acquisizione di Beats Audio, ora Apple ha la sua prima app Android
13:56 | 29 maggio 2014

Author: Staff | Category: Senza categoria | Tags: , , , , , | Comments: None

Beats-Apple

Probabilmente saprete già che Apple ha acquisito Beats Audio per 3,2 miliardi di dollari, il che di per sé non ci dovrebbe riguardare molto, se non che lo stesso CEO di Apple, Tim Cook, ha confermato che gli attuali servizi offerti da Beats continueranno a persistere, anche su piattaforme rivali come Android e Windows Phone.

LEGGI ANCHEBeats Music arriva su Android in America

Ci riferiamo in particolare a Beats Music, il servizio di musica in streaming disponibile solo in USA, e che tra l’altro è anche rivale di iTunes; nonostante questo Cook afferma che Beats rilascerà nuove “funzioni che vi faranno uscire di testa” (ma dubitiamo di vederle altrove da iOS).

È un precedente insomma piuttosto unico nel suo genere per un’azienda come Apple, a dispetto anche di certe passate affermazioni di Cook, che si dichiarava aperto all’idea di creare app Android. Chissà che l’acquisizione di Beats non sia servita proprio a rompere il giacchio.

Utilizza l’app gratuita di Play storeAndroidWorld.it per rimanere aggiornato. Da oggi disponibile gratuitamente anche su Chrome App Chrome.


© Nicola Ligas per AndroidWorld.it, 2014. |
Permalink |
5 commenti |
Add to
del.icio.us


Post tags: , , ,

L’articolo Con l’acquisizione di Beats Audio, ora Apple ha la sua prima app Android sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

AndroidWorld.it

Apple e Samsung starebbero lavorando ad un accordo
20:56 | 19 maggio 2014

Author: Staff | Category: Senza categoria | Tags: , , , , | Comments: None

apple-vs-samsung-fight

Forse, stavolta, siamo davvero vicini ai titoli di coda: Apple e Samsung, il più grande e importante processo sui brevetti tra produttori di smartphone degli ultimi anni potrebbe essere destinato a concludersi in una maniera inaspettata.

Apple potrebbe infatti aver capito, dopo aver vinto il ricorso ma non come avrebbe voluto, che questa battaglia non porta a nulla: il market share di Samsung non è stato intaccato e le ingiunzioni non sono arrivate con i tempi giusti. Forse l’azienda di Cupertino è quindi decisa a deporre l’ascia di guerra anche con Samsung, dopo l’accordo raggiunto con Motorola.

LEGGI ANCHE: Samsung vs Apple: ecco il verdetto del ricorso

Speriamo dunque che sia davvero la fine di questi processi e accuse di essersi copiati a vicenda, sperando anche in una riforma del sistema dei brevetti che probabilmente non ha tenuto il passo della tecnologia e ora andrà di certo riformato.

Utilizza l’app gratuita di Play storeAndroidWorld.it per rimanere aggiornato. Da oggi disponibile gratuitamente anche su Chrome App Chrome.


© Lorenzo Quiroli per AndroidWorld.it, 2014. |
Permalink |
Nessun commento |
Add to
del.icio.us


Post tags: , , , , , ,

L’articolo Apple e Samsung starebbero lavorando ad un accordo sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

AndroidWorld.it

Google, Apple, Amazon e Gameloft indagate dall’Antitrust italiano per pratiche commerciali ingannevoli
21:56 | 17 maggio 2014

Author: Staff | Category: Senza categoria | Tags: , , , , , , , , , | Comments: None

Asphalt 8 Airborne review (11)

I giganti statunitensi Apple, Amazon, Google e lo sviluppatore francese Gameloft sono attualmente indagate in Italia per pratiche commerciali definite “ingannevoli”: questo quanto annunciato dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato (l’Antitrust) italiana. Tale denuncia arriva dalla pratica comune delle compagnie, accusate di “ingannare” l’acquirente con pubblicità relative a giochi per il mobile gratuiti che in realtà richiedono acquisti in-app per proseguire in determinati punti.

LEGGI ANCHE: Commissione Europea: un gioco può essere definito free solo se è privo di acquisti in-app

Da quanto affermato dall’Antitrust infatti, i consumatori potrebbero erroneamente pensare che il gioco sia completamente gratuito. Parte del problema risiede anche nella mancanza di informazioni fornite all’utente, a riguardo ad esempio di come limitare o bloccare del tutto ogni tipo di acquisto in-app. Al momento le società indagate non hanno rilasciato nessuna dichiarazione ufficiale. Un esponente dell’Antitrust ha parlato di un’investigazione che si protrarrà per i prossimi sette/otto mesi, con un provvedimento che potrebbe richiedere il pagamento di un’ammenda fino a 5 milioni di euro.

Davvero peculiare il fatto che tale mossa da parte dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato italiana arrivi a qualche settimana di distanza da parte della mossa della Commissione Europea proprio in merito ai giochi free-to-play e agli acquisti in-app. Segno probabilmente che proprio la Commissione Europea potrebbe aver fornito il classico “La” per una gestione più oculata di questa categoria di giochi che in mobile va indubbiamente per la maggiore. C’è anche da dire che, secondo una recente ricerca, l’86% dei giocatori in mobile preferisce giochi gratis con pubblicità, comprensivi quindi di acquisti in-app. Un argomento senza dubbio spinoso, che con tutta probabilità nei prossimi mesi ci troveremo nuovamente ad affrontare.

Utilizza l’app gratuita di Play storeAndroidWorld.it per rimanere aggiornato. Da oggi disponibile gratuitamente anche su Chrome App Chrome.


© lorexae per AndroidWorld.it, 2014. |
Permalink |
Nessun commento |
Add to
del.icio.us


Post tags: , , , , , , , , , ,

L’articolo Google, Apple, Amazon e Gameloft indagate dall’Antitrust italiano per pratiche commerciali ingannevoli sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

AndroidWorld.it

Apple e Motorola chiudono di comune accordo il loro processo
11:56 |

Author: Staff | Category: Senza categoria | Tags: , , , , , , | Comments: None

apple motorola

Una nuova battaglia della guerra dei brevetti è giunta alla sua conclusione e questa volta non c’è nessuna vittoria: Apple e Google hanno infatti comunicato di aver chiuso di comune accordo il processo che vedeva la casa di Cupertino contro Motorola.

La parte interessante è che non vi è alcun accordo che preveda la licenza dei brevetti in questione, ma la fine del processo è dovuta alla semplice comune volontà delle due compagnie, che hanno affermato di voler impegnarsi per una riforma dei brevetti.

LEGGI ANCHE: Google e Motorola, l’idillio che non c’era

Motorola a breve dovrebbe passare nelle mani di Lenovo, la compagnia cinese che l’ha acquisita a inizio anno, ma la conclusione della cessione è ancora in attesa delle autorità regolatrici.

Utilizza l’app gratuita di Play storeAndroidWorld.it per rimanere aggiornato. Da oggi disponibile gratuitamente anche su Chrome App Chrome.


© Lorenzo Quiroli per AndroidWorld.it, 2014. |
Permalink |
Nessun commento |
Add to
del.icio.us


Post tags: , , , ,

L’articolo Apple e Motorola chiudono di comune accordo il loro processo sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

AndroidWorld.it

Samsung vs Apple: nuovo verdetto importante. Ecco chi dovrà pagare e quanto
15:56 | 3 maggio 2014

Author: Staff | Category: Senza categoria | Tags: , , , , , , , , | Comments: None

apple-vs-samsung-fight

La battaglia fra bene e male Samsung e Apple, in tribunale è una telenovela che ormai va avanti da moltissimi anni negli Stati Uniti (ma non solo!). Oggi, dopo tre giorni di consultazioni, i giudici hanno emesso un verdetto che dichiara sia Samsung che Apple, anche se in modo molto diverso, di aver infranto alcuni brevetti.

LEGGI ANCHE: Samsung dovrà pagare una multa a Apple

Già una volta i giudici si erano espressi in favore di Apple, ma adesso il processo è ripartito (ne avevamo già parlato) con Apple in prima linea accusando Samsung di aver infranto cinque brevetti e Samsung che, nell’operazione di difesa ha a sua volta accusato Apple di aver violato alcuni suoi brevetti. I brevetti per cui Apple ha accusato Samsung riguardano (non nella loro interezza, ma genericamente):

  • Lo sblocco con trascinamento
  • La ricerca globale
  • La sincronizzazione dei dati
  • L’autocorrezione della tastiera
  • La trasformazione di link e numeri di telefono in voci cliccabili

Solo il primo e l’ultimo di questi due brevetti sono stati al centro della multa che adesso Samsung dovrà pagare ad Apple. Si tratta di circa 120 milioni di dollari, molti meno dei 2,2 miliardi. Allo stesso modo Apple dovrà pagare poco più di 150 mila dollari, briciole in confronto alla multa opposta (e sopratutto rispetto a quanto chiesto inizialmente dalla stessa Apple). I prodotti Samsung sotto accusa sono vari, e spaziano dai Galaxy Tab 3, al Galaxy S II, per finire con il Galaxy Nexus. A questo proposito la giuria dovrà però tornare sopra a Galaxy S II, perché la multa non è stata valutata anche relativamente alle sue infrazioni (attenzione: parliamo sempre dei due brevetti sopra citati).

Già in passato a Samsung era stato fatto uno sconto e così potrebbe accadere anche questa volta. Apple però si era già dichiarata agguerrita fin dalla prima seduta, dove dichiarò di poter tirare in ballo oltre 50 brevetti che Samsung ha violato, ma che ogni causa legale non può per semplicità riguardare più di un numero limitato alla volta. Sembra proprio una minaccia per ulteriori scontri futuri. Gli avvocati di Samsung confermano poi l’impressione generale, ovvero che Apple porti avanti queste cause quasi esclusivamente come dimostrazione di forza e non tanto per proteggere realmente i suoi brevetti.

Avrete già capito quindi che difficilmente la questione può dirsi conclusa qui. Questo è uno di quei casi in cui possiamo dire: alla prossima puntata.

Utilizza l’app gratuita di Play storeAndroidWorld.it per rimanere aggiornato. Da oggi disponibile gratuitamente anche su Chrome App Chrome.


© cisO.o per AndroidWorld.it, 2014. |
Permalink |
Nessun commento |
Add to
del.icio.us


Post tags: , , , ,

L’articolo Samsung vs Apple: nuovo verdetto importante. Ecco chi dovrà pagare e quanto sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

AndroidWorld.it

Samsung attacca nuovamente Apple e iPhone nel suo ultimo spot (video)
21:56 | 25 aprile 2014

Author: Staff | Category: Senza categoria | Tags: , , , , , , , | Comments: None

apple-vs-samsung-fight

Il rapporto tra Samsung e Apple non è mai stato idilliaco e anche al di fuori della aule di tribunale, nelle quali è in corso il processo di appello tra i due colossi, i due non si amano particolarmente, come dimostra il nuovo spot televisivo dell’azienda coreana fatto per pubblicizzare Galaxy S5.

In esso vengono mostrate le qualità principali che rendono il top di gamma di Samsung interessante agli occhi del possibile acquirente e parlando della fotocamera lo spot non manca di sottolineare la risoluzione doppia rispetto a quella di iPhone.

LEGGI ANCHE: Apple invita Samsung a copiarla

Nulla di speciale rispetto a battute più pesanti fatte in passato, ma è comunque un gesto significativo che ci mostra come Samsung voglia persuadere i possibili clienti di iPhone; a seguire lo spot pubblicitario in questione.

(Continua…)
Leggi il resto di Samsung attacca nuovamente Apple e iPhone nel suo ultimo spot (video)

Utilizza l’app gratuita di Play storeAndroidWorld.it per rimanere aggiornato. Da oggi disponibile gratuitamente anche su Chrome App Chrome.


© Lorenzo Quiroli per AndroidWorld.it, 2014. |
Permalink |
Nessun commento |
Add to
del.icio.us


Post tags: , , , , , ,

L’articolo Samsung attacca nuovamente Apple e iPhone nel suo ultimo spot (video) sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

AndroidWorld.it

Pagina successiva »